EUROMAYDAY

EUROMAYDAYS - THE NED

Dodici mesi esatti ci separano dall'apertura dei cancelli di Expo2015: il grande evento che soprattutto nell'ultimo anno ha concentrato su di sé aspettative, roboanti promesse di progresso e sviluppo, ma anche tutto il peggio di una ricetta di ripresa economica centrata su precarietà lavorativa, speculazione finanziaria, cemento, stato d'eccezione e poteri speciali.

A un anno da Expo 2015 e in prossimità del semestre di presidenza italiana dell'Unione Europea, stiamo pensando in grande: l'appuntamento dell'Euromayday 2014 non si esaurirà nella Parade del 1 Maggio ma aprirà una tre giorni di dibattiti, proposte e azioni: The NED, i NoExpoDAys.

immagini, ragioni, socialità, futuro di una battaglia vinta h12.00 pedalata creativa da via Cancano h13.00 pranzo popolare alla buca di Parco Trenno a seguire in ordine sparso (e in attesa del programma definitivo) *animazione e disegni per i più piccoli *musica *banchetti con materiali e referendum sociali *agorà pubblica su bisogni e nocività nei quartieri […]
continua »
Dalle trivelle agli stoccaggi di gas: neocolonialismo, speculazione, nocività, democrazia Il nostro nuovo libro vede oggi la luce per i tipi di Lu:Ce edizioni. Dopo la stagione di ricerca e attivismo in opposizione ad Expo 2015, un nuovo testo collettivo ripercorre i sentieri dell’emergenza pianificata, dell’esproprio di democrazia, della governance “fossile” di un paese indisponibile a […]
continua »
Dopo Expo, Expo continua. L’abbraccio velenoso del grande-evento ha stordito la sinistra milanese, abbattuto Pisapia e incoronato Beppe Sala a (candidato) sindaco di Milano. Un testacoda mortale che blocca la città al ritmo del Pd renziano. Nell’epoca del post-Expo si muove la post-politica dei commissari e dei manager, scorciatoia autoritaria per una classe politica debole, […]
continua »
Questo fine settimana andiamo in trasferta. Da alcuni mesi stiamo sviluppando un percorso di formazione utile ad allacciare quanto appresso all’interno della campagna di opposizione ad Expo 2015, con una delle più fresce e intelligenti lotte di opposizione all’imperialismo energetico che (in totale opposizione alle pur blande indicazioni della Cop21 di Parigi) informa il decreto […]
continua »
Come cambia la geografia del potere nella città metropolitana del dopo Expo? Come si sta muovendo la finanza? E la politica che ruolo ha? Come si caratterizza la qualità della vita, il lavoro, l’abitare, l’attività ludica? Quale spazio rimane per le narrazioni fuori dal coro? Sono temi che meritano più di un’attenzione e che saranno […]
continua »
Le vicende che si sono susseguite negli ultimi mesi a Calais sono comprensibili solo attraverso l’intersezione di diversi ordini di discorso. La crisi umanitaria sta avendo luogo su una frontiera interna all’Europa su cui convergono molti elementi: i teatri di guerra e sfruttamento che si moltiplicano in Africa e Medio Oriente costringendo milioni di persone […]
continua »
On Saturday, 23rd January, a demonstration consisting of four thousand people between migrants and activists started from the “jungle”, as the Calais refugee camp is called, and headed towards the city. While protesting against racial discrimination, vouching for right to mobility, and speaking out against poor living conditions in the camp due to extreme overcrowding, […]
continua »
UPDATE: le ragazze sono state rilasciate nel tardo pomeriggio del 27 gennaio, in stato di arresto restano sei migranti mentre per due attivisti francesi resta un foglio di via dalla zona di Calais, per questo motivo non dobbiamo interrompere l’azione solidale che ci ha spinto sin qui. Fino alla liberazione di tutte e tutti. English […]
continua »
Mi ricordo che poi venne l’alba, e poi qualche cosa di colpo cambiò il domani era venuto e la notte era passata c’era il sole su nel cielo sorto nella libertà.
continua »
Di cosa parliamo quando parliamo di scali ferroviari La storia degli scali parte da lontano, dalla metà dell’800. A partire dal 1840 decine di imprese ferroviarie iniziano a realizzare linee sparse sull’intero territorio, e intorno al 1880 entrano in stato di crisi e dissesto. Lo Stato unitario decide di intervenire: tra il 1880 e il […]
continua »
“Energia e difesa tirano le borse”. Così titolava Il Sole 24 Ore il lunedì successivo alla strage di Parigi, commentando con malcelata gioia la riapertura delle piazze finanziarie. In un momento di generale depressione economica e nonostante le forti incertezze per l’instabilità causata dai fatti di venerdì 13 novembre in Francia, la prospettiva di un […]
continua »
Milano, 12 novembre 2015 Questa mattina, nel corso di un’operazione repressiva relativa ai fatti del primo maggio, sono state disposte dieci custodie cautelari e cinque denunce a piede libero, per altrettante/i attiviste/i nella città di Milano e in Grecia. Otto degli arresti sono stati già eseguiti. Il capo d’imputazione più grave è quello di devastazione […]
continua »
Diffondiamo l’appello promosso da “Not our cop21“ Appello verso l’assemblea pubblica per la costruzione di un percorso su Cop21: 14.11 @ unimi | 29.11 in piazza a Milano Dal 30 novembre al 12 dicembre, Parigi ospiterà la 21° COP: la conferenza sui cambiamenti climatici che sempre più investiranno un pianeta sfruttato e spremuto per sostenere […]
continua »
Riavvolgiamo per un attimo il nastro e fissiamolo a una immagine e una data: Palais de Congrès, Parigi, 31 marzo 2008. Sul palco le facce sorridenti di Romano Prodi, Letizia Moratti, Massimo D’Alema e Roberto Formigoni. Ecco la rappresentazione del sistema Paese che riporta a Milano, cento anni dopo, l’Esposizione Universale. Centro destra e centro […]
continua »
E’ in uscita GENomi antiFUFFA, frutto di un laboratorio di narrazioni collettive, prodotto da Re:Common, che ha coinvolto circa 20 persone, da marzo a ottobre 2015. Il libretto verrà presentato a Milano, il 1° novembre all’Arco della Pace, nella cornice dell’incontro nazionale di Genuino Clandestino. L’intro la trovate sul blog dei WM che hanno sostenuto tutta […]
continua »
Anzitutto due premesse dovute: lo Sblocca-Italia è già legge, quindi non c’è da fermarlo (molto difficile proprio per la sua natura, come vedremo fra poco), caso mai da incepparlo e renderlo impraticabile; in secondo luogo, una lotta contro le devastazioni che autorizza e incrementa esiste già da tempo, in particolare nel centro-sud, riconoscibile nella rete […]
continua »
A volte, l’unico modo per trattare con un’azienda è trattarla male!   Lavori 10 ore al giorno e non ti pagano gli straordinari? Rimani in ballo mezza giornata tra i padiglioni di Expo per via dei turni “spezzati”? Ti pagano meno perché ti hanno inquadrato ad un livello più basso? Non ti pagano i ticket che ti spettano? C’è qualcosa nella busta paga che non...
continua »
Dopo il lauto aperitivo pianterrestre, per le 20.30 presenteremo l’Atlante italiano sui conflitti ambientali, curato da ASud. Venerdì 2 ottobre, dalle 19.30 Spazio PianoTerra Via Confalonieri 3, Milano Il Collettivo IRA-C introdurrà la serata. Ci aiutate a diffondere l’evento?  
continua »
Contro le condizioni di lavoro e i salari da fameI lavoratori della Prodest – società che si occupa di vigilanza – stanno protestando contro le condizioni di lavoro in Expo. Già nei mesi passati avevano provato a protestare rallentando gli ingressi dei visitatori, attraverso una riduzione dei ritmi, ma settimana scorsa una decina di lavoratori ai tornelli di ingresso di Triulza ha inscenato una protesta...
continua »
Dumping sociale a Expo 2015 Venerdì scorso, durante il concerto dei “The Kolors” all’Open Theatre, per la prima volta si sono visti i volontari anche al di fuori dai due turni giornalieri (9,00-14,30 / 14,30-20,00) previsti dagli accordi sindacali. In molti sono rimasti a supportare l’organizzazione di Expo anche per questo evento serale. C’è di più: ormai da alcune settimane è in atto, da parte...
continua »